Beirut, la perla del Medio Oriente, bella e flagellata

Beirut, città antichissima, fu fondata dai fenici intorno al terzo millennio a.C. La chiamarono Berytos e nella sua lunga storia fu assira, egiziana, babilonese, persiana, greca e romana. Ogni popolo le lasciò in eredità un po’ di cultura, ma anche distruzioni e ricostruzioni. La città fu segnata e ferita fino al 636 quando gli arabi la conquistarono. Divenne uno dei centri principali dell’Impero islamico, ma nel sec. 10°fu conquistata dai crociati e incorporata nel regno di Gerusalemme.

Nei sec. 14° e 15° venne saccheggiata dalle flotte cristiane. Dopo il crollo dell’Impero ottomano (1918), Beirut divenne capitale del nuovo Stato libanese, ma degli anni 1975-90 la città, di fatto spaccata in due, con i quartieri occidentali sotto il controllo musulmano e i quartieri orientali sotto quello cristiano. Nel 1990 la città fu riunificata sotto il controllo dell’esercito il che consentì il rientro della popolazione nella città, ma i danni sono continuati a causa di azioni terroristiche e dall’attacco israeliano alle milizie di Hezbollah del 2006.

La caratteristica di Beirut è quell’essere crogiuolo di culture e religioni alle quali è attaccata e questa miscela arricchisce la città come si può vedere dalle vestigia architettoniche che ancora sono presenti.

Ad es la muraglia d’epoca medievale che circondava Beirut in epoca dei crociati e Mamelucchi, la Gran Moschea Al-Omari che era la Chiesa di San Juan del XII secolo, la Cattedrale Greco- Cattolica di Sant’Elia, la Chiesa Maronita di San Giorgio con le cinque colonne che sono i i resti del cammino romano.

La città, chiamata anche Perla del Medio Oriente merita ancora questo nme per la forza con cui ha saputo risollevarsi ad ogni sventura che l’ha colpita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *