Viaggio ad Agrigento tra storia, cultura e templi

Mandorli, ulivi e tanti fiori fanno da cornice a una delle valli più belle del mondo, ricca di cultura e di storia, posta in una terra insulare dolce e incantata: parliamo della Valle dei Templi ad Agrigento, in Sicilia.

I templi che risalgono ai tempi della Magna Grecia sono una testimonianza dell’antica cultura classica della Sicilia, ma oltre ai templi nell’area archeologica si incontrano necropoli e santuari.

Entrando nel sito archeologico si possono ammirare i templi di Giunone e quello della Concordia. Il tempio di Giunone è posto sulla sommità di un burrone ed ha visto tra le sue mura i riti della fertilità come si evince dalle tracce sulle mura del Sancta Sanctotum.

Il tempio di Giunone arse nel 406 a.C. assieme al vicino tempio della Concordia per opera dei Cartaginesi. Continuando il cammino si incontra il tempio di di Eracle che al suo interno presentava nell’antichità una statua di bronzo raffigurante lo stesso Ercole. Il tempio venne distrutto da un terremoto, tanto che oggi ci rimangono solo otto colonne.

Il tempio della Concordia si trova lungo la via Sacra, ed è quello meglio conservato. Si può visitare poi il tempio di Zeus Olimpico che venne edificato per ringraziare il dio Zeus in occasione della vittoria del 480 a.C. degli Agrigentini sui Cartaginesi.

Qui si trovano i telamoni, gigantesche statue con sembianze umane che sorreggevano le architravi e che ora giacciono a terra in tutta la loro grandezza.

La visita può continuare alla scoperta di altre antiche vestigia, tutte incantevoli e suggestive, soprattutto se viste al tramonto quando una luce rosata le illumina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *