Viaggio a Samarcanda nella città dorata e misteriosa

Andiamo a Samarcanda, la capitale dell’Uzbekistan , la città d’oro avvolta dal mistero, tra deserti e steppe, madrase e bazaar, tappa fondamentale della via della seta che univa la Cina con l’occidente. Crocevia di culture e inserita nel patrimonio mondiale dell’UNESCO è una città che affonda le sue origini nell’antichità. Fondata nel 700 a.C. fece parte dell’impero persiano e venne conquistata da Alessandro Magno nel 329 a.C. che la riportò agli antichi fasti.

Samarcanda è la città di Tamerlano che ne fece la capitale dl suo vasto impero che andava dalla Turchia all’India.

A Samarcanda si trovano monumenti e costruzioni di grandissimo valore, tra cui il Mausoleo di Tamerlano che fu il precursore delle grandi tombe che dovevano essere erette in epoche successive tra cui  la Tomba di Humayun e quella di Taj Mahal.

Tra i monumenti più importanti ricordiamo la moschea di Bibi Khanum in cui predominano i colori turchese e blu dedicata alla moglie prediletta di Tamerlano. È un grane complesso religioso con un ostello, una madrasa e due moschee su cui aleggia una leggenda che impose alle donne lo chador.

La grande e splendida piazza Registan vede collocati gli edifici più prestigiosi di Samarcanda: La Medressa di Tillya Kari costruita tra il 1646 e il 1660.

La Medressa di Shir Dor costruita tra il 1619 e il 1636. Le dimensioni della facciata sono tali da formare un quadrato di 51 metri.

La Scuola Coranica di Ulug Beg, ospitava fino a 100 studenti che imparavano le scienze matematiche, astronomiche e religiose. Splendidamete decorata con mosaìci pregevolissimi.

Da visitare la necropoli di Shakh-i-Zinda dove furono costruiti splendidi e unici monumenti funebri. Ed è proprio a Samarcanda che si trova anche la tomba del Profeta Daniele le cui spoglie sono state portate da Tamerlano dall’Iran, in segno di buon auspicio. Il sarcofago è lungo 18 metri e su di esso alleggia una leggenda secondo la quale il corpo del profeta crescerebbe un centimetro all’anno per cui il sarcofago deve essere continuamente allungato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *